La storia del segno del Cancro

cancer2_res

La costellazione del Cancro è situata appena sopra alla costellazione dell’Idra. Nella mitologia greca Cancro aiutò Idra in un attacco contro Ercole. Tra le costellazioni, l’Idra è una sorta di creatura marina.
Questa è un’altra storia che riguarda il mito delle dodici fatiche di Ercole. In un mito risalente all’ 800 a.C., l’Idra è descritta come una creatura marina a forma di serpente, a nove teste, che spaventava e uccideva gli uomini e gli animali della zona del Peloponneso in cui viveva. Ercole fu incaricato di uccidere questa creatura, ma ogni volta che provava a recidere una delle sue teste questa ricresceva all’istante. Dietro questa creatura c’erano gli intenti di Era, la quale decise di chiamare un altra creatura a dare man forte a Idra: Cancro, un granchio gigante, il quale attaccò Ercole ai piedi. Ercole a sua volta si fece aiutare dal suo servo Giasone, il quale diede fuoco alla foresta circostante ed Ercole utilizzò un ramo infuocato per recidere le nove teste di Idra, fino ad ucciderla.
Esiste un’altra versione di questo mito, risalente al 1888, in cui Idra ci viene presentata come la sorella del Leone di Nemea, anch’esso sconfitto da Ercole nella prima delle sue dodici fatiche.
Il Cancro rappresenta il simbolo della fine della crescita del giorno. All’inizio dell’estate i giorni iniziano ad accorciarsi, come cominciano ad allungarsi all’inizio dell’inverno, ed è per questo che, nel mese di giugno il sole è paragonato ad un granchio che procede a ritroso.
In greco Karabos rappresenta il granchio, l’aragosta, l’astice ed anche un insetto, lo scarabeo. Nelle vecchie rappresentazioni dello zodiaco, si vede a volte il granchio, a volte l’astice, ma mai lo scarabeo, da non confondere con la lumaca, la quale è spesso associata al segno del Cancro per il suo attaccamento alla “casa”.
L’Astrologia classica attribuisce al segno del Cancro l’Acqua come elemento, ma i granchi non sono esclusivamente acquatici, ve ne sono molti che vivono sulla terraferma.