Gli Amanti

innamorato_res

VI-GLI AMANTI (O L’INNAMORATO)

Qui vediamo un uomo fra due possibilità, in atto di scegliere liberamente una di esse. Una donna che rivela le sue forme esteriori, lo attrae verso la corrente del mondo profano, il materialismo e l’inganno dei sensi, offrendogli un amore volgare, non trascendente. L’altra indica il suo cuore, attraendolo verso i sentimenti più nobili dell’amore spirituale e simbolizzando la verità. Questo Arcano si ispira ad un scena mitologica: il giovane Ercole che, compiuta l’educazione presso il centauro Chirone, si trova di fronte a una scelta determinante per la sua futura esistenza. Gli appaiono allora due giovani donne, rappresentanti il rigore e la mollezza, che gli promettono strade e vantaggi diversi: il bene e il male, la virtù ed il vizio. Come l’eroe greco. il giovane, qui raffigurato in piedi fra le due donne, esita indeciso davanti all’austera signora, vestita dimessamente, che promette soddisfazioni esclusivamente morali e alla seducente dispensatrice di piacere.

Significato della carta dritta:
Determinazione – Libera scelta
Amore – Volontà
Libero arbitrio – Decisione
Autodeterminazione
Movimento della volontà
Eroicità – Fermezza
Precetti – Nobile passione
Affetti – Sentimenti – Coppia
Unione della coppia – Fidanzamento

La carta della scelta, dell’esitazione di fronte a un bivio diviene, anche nel gioco, emblema di una situazione fluida, ancora da determinare. Il consultante si trova di fronte a una decisione importante, dal cui esito può dipendere tutta la sua esistenza futura o, almeno, un settore molto significativo di essa. Se l’innamorato compare diritto o abbinato a lame fortemente positive, significa che si tratterà di una scelta libera, da compiere in tutta calma e senza pressioni esterne; una scelta che, in ogni caso si rivelerà vincente. Quando invece le carte vicine appaiono problematiche essa richiederà una certa cautela; a meno che non ci si affidi al sesto senso, alle irrinunciabili doti intuitive cui la carta fa sempre riferimento. Tuttavia , nonostante la didascalia, l’Innamorato, più che una carta d’amore, eccettuate particolari condizioni in cui le lame vicine lo confermano, è un carta di attesa, di scelta affettiva, di rapporti, quindi, ancora in formazione, privi di implicazioni erotiche. E’ associata a persona illuminata, personalità realizzata, onestà, purezza morale, sincerità, amore disinteressato, capacità di darsi in maniera equilibrata, scelta felice e feconda, desideri che si realizzano, affetti sinceri, simpatia, innamoramento.

Significato della carta rovesciata:
Vacillamento Dubbio – Dilemmi
Scelta sbagliata – Irresolutezza
Inganno – Codardia – Rischio
Cammino sbagliato
Paura – Indecisione
Indeterminazione – Intrighi
Passioni – Sofferenza
Tradimento – Perdita di energia
Impossibilità – Crisi affettiva

Quando l’Arcano si presenta capovolto, il dubbio del giovane Ercole si trasforma in una scelta lacerante, non priva di contraddizioni e ripensamenti. La cortigiana raffigurata sulla carta sembra, infatti, avere la meglio sulla virtù, persuadendo il consultante a percorrere la via sbagliata, costellata di facili tentazioni ma, in realtà priva di sbocchi. Calunnie, insinuazioni, inganni, appesantiscono l’ambiente in cui vive e opera, rendendogli tutto più difficile. Può segnalare un incontro pericoloso, turbamenti, desideri inappagati, promesse non mantenute. Dubbi, esitazioni, incertezze e un’eccessiva instabilità emotiva portano a rimandare all’infinito una soluzione necessaria perché tutta la libertà d’azione dall’arcano dritto diviene qui sottomissione alla necessità e dipendenza dai fattori esterni. E’ indecisione, incapacità qualitativa di scelta, apatia, carenza di chiarezza, mancanza di contatto con la propria realtà interiore, impotenza d’azione, blocco emotivo o mentale, turbe affettive, scelte coatte o subite di cui bisogna analizzare ed indagare le cause, mancanza di entusiasmo. Inoltre si presta ad interpretazioni riguardanti l’egoismo, alla centralizzazione, imposizione delle proprie scelte come oro colato, volontà di determinazione e di giudizio sulle decisioni altrui, ingannevole convinzione di non sbagliare mai le proprie scelte.